Miniatura Assente

Concessione dei contributi all'integrazione dei canoni di locazione

Si avvisa la cittadinanza che la regione Campania ha modificato per l’anno 2019 le modalità di concessione dei contributi all’integrazione dei canoni di locazione

Le domande devono essere presentate entro e non oltre il 13/03/2020 direttamente alla regione Campania all’indirizzo https://bando fitti.regione.campania.it/ .

Per presentare la domanda on line, è necessario avere a disposizione un pc dotato di connessione ad internet ed un indirizzo di posta elettronica funzionante -e-mail-.

Il richiedente accede al sistema on line e procede la registrazione, cioè indica la e-mail sulla quale ricevere le credenziali di accesso, -la stessa e-mail non può essere utilizzata per registrare più di una utenza, in quanto va abbinata esclusivamente ad una sola domanda-.       

Una volta registrato, il richiedente compila la domanda on line inserendo i dati richiesti dal sistema. Nella fase di compilazione, la domanda on line può essere salvata e modificata dal richiedente una o più volte, fino all’invio definitivo della stessa, effettuato il quale, la domanda non sarà più modificabile. Una volta trasmessa la domanda, il sistema genera una stampa che attesta il corretto invio della stessa, con l’indicazione del numero identificativo.

 

REQUISITI

Per beneficiare del contributo devono ricorrere le seguenti condizioni:

A.    Avere, unitamente al proprio nucleo familiare, i requisiti previsti dalla normativa regionale vigente per l’accesso all’edilizia residenziale pubblica;

B.    Titolarità, per l’anno di riferimento, di un contratto di locazione per uso abitativo relativo ad un immobile non di edilizia residenziale pubblica adibito ad abitazione principale, corrispondente alla residenza anagrafica del richiedente, regolarmente registrato ed in regola con il pagamento annuale dell’imposta di registro salvo l’opzione della cedolare secca, ai sensi dell’art. 3 del D.lgs. 23/2011.

C.     Presentare certificazione dalla quale risultino valore ISEE –Indicatore della Situazione Economica Equivalente- , valore ISE – Indicatore della Situazione Economica – e incidenza del canone annuo, al netto degli oneri accessori, sul valore ISE, calcolati ai sensi del D.lgs. n. 109/98 e successive modificazioni ed integrazioni, rientranti entro valori di seguito indicati:

Fascia A: Valore ISE, per l’anno in corso, non superiore all’importo corrispondente a due pensioni minime I.N.P.S. pari a € 13.338,26 – tabella R1 della circolare INPS n.122 del 27.12.2018- rispetto al quale l’incidenza del canone, al netto degli oneri accessori, sul valore ISE risulta non inferiore al 14%;

Fascia B: Valore ISE, per l’anno in corso, non superiore all’importo di € 25.000,00 rispetto al quale l’incidenza del canone, al netto degli oneri accessori, sul valore ISE risulta non inferiore al 24%;

D.    Cittadinanza:

      D.1 essere cittadino italiano;

      D.2 essere cittadino di uno Stato appartenente all’Unione Europea;

      D.3 essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione Europea, in possesso di carta di soggiorno o di permesso di     soggiorno almeno biennale in corso di validità ed esercitante una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo –artt. 5,9 e 40 D.lgs. 286/98 così come modificati dalla L. 189/2002 e smi-.

Il contributo di integrazione al canone di locazione, di cui all’ Art. 11 della Legge 431/98, non può essere cumulato con altri benefici pubblici da qualunque Ente ed in qualsiasi forma erogati a titolo di sostegno abitativo relativi allo stesso periodo temporale, compresi i contributi straordinari per gli inquilini morosi incolpevoli ed i percettori del reddito di cittadinanza;

L’erogazione del contributo a favore di soggetti i cui nuclei familiari sono inseriti nelle graduatorie vigenti per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica non pregiudica in alcun modo la posizione acquisita da tali soggetti nelle suddette graduatorie. L’eventuale assegnazione dell’alloggio di edilizia residenziale pubblica è causa di decadenza dal diritto al contributo dal momento della data di disponibilità dell’alloggio;

In caso di decesso, il contributo sarà assegnato al soggetto che succede nel rapporto di locazione ai sensi dell’art. 6 della Legge n.392/1978.

Qualora il soggetto richiedente abbia trasferito la propria residenza in un altro alloggio, nel territorio del comune di residenza, il contributo è erogabile tenendo conto di entrambi i contratti di locazione regolarmente registrati, dei canoni riferiti ai diversi alloggi, previa verifica circa il mantenimento dei requisiti.

Nel caso in cui il soggetto richiedente abbia trasferito nell’annualità 2019 la propria residenza in altro comune, il contributo sarà erogabile solo in relazione ai mesi di residenza nell’alloggio a cui si riferisce la domanda.

La documentazione integrale si trova sul sito http://www.comuneogliastrocilento.it/ al link http://www.comuneogliastrocilento.it/In-Evidenza .

                                                                                                                                                                      Il Sindaco

                                                                                                                                                                                     Michele Apolito

11/02/2020







Torna su